Cabaret

marzo 20, 2009

AX930714Questo non è un post troppo serio. Infatti, in mancanza di notizie concrete riguardanti la riforma, ripieghiamo sulle recenti dichiarazioni del Ministro Brunetta.

Nonostante abbiano ben poca sostanza, queste dichiarazioni sono state amplificate dai media in maniera sproporzionata. Vorremmo resistere però alla tentazione di derubricare la vicenda come numero di avanspettacolo: leggendo tra le righe si possono cogliere sfumature interessanti.
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Due o tre cose che so di lei

marzo 11, 2009

2ou3chosesPer una volta al centro dell’attenzione non ci sara’ l’universita’ ma, piuttosto, l’informazione. O meglio: il variegato mondo dei media, sia quelli tradizionali (da tempo in crisi – ora anche sul versante economico) sia quelli nuovi, che corrono sul web.

Negli ultimi sei mesi abbiamo osservato le notizie riguardanti il mondo accademico con un duplice scopo: seguire i cambiamenti della “politica universitaria” ma anche cercare di comprendere meglio il mondo dei media. Confrontare le informazioni di prima mano con quelle filtrate dall’occhio (spesso deformante) dei mass media e’ un esercizio utile per imparare a documentarsi in maniera più consapevole. I media, anche quando si mostrano infedeli, sono insostituibili: l’importante è saper far la tara alle notizie fornite.

Spesso è più interessante capire il lato patologico dei meccanismi mediatici piuttosto che, semplicemente, correggere questa o quella informazione mistificata. Del resto l’abilità di “decifrare” le notizie è tanto più importante quanto più si moltiplicano le fonti. Ma andiamo con ordine.

Leggi il seguito di questo post »


Il Gattopardo

dicembre 3, 2008

Come ci si poteva attendere, i problemi dell’universita’, i tagli e le conseguenti proteste, sembrano destinati ad abbandonare il palco mediatico. Ora che le litanie sui mali dell’universita’ ed i sermoni sulla meritocrazia vanno affievolendosi varrebbe la pena di analizzare quali siano stati gli effetti di questa tempesta mediatica. Partendo dai giornali, ovviamente.

Cio’ che -forse- meglio di altro rappresenta il nuovo clima e’ l’intervista in cui il Rettore della Sapienza smussa gli attriti con il Governo (accettando di fatto i tagli di Tremonti – purche’ colpiscano qualcun’altro), elogia il lavoro fatto dal ministro Gelmini e suona il de profundis al movimento dell’Onda.
Leggi il seguito di questo post »


Falso movimento

novembre 21, 2008

Lunedi’ 17 novembre, i titoli dei giornali che riportavano le conclusioni dell’assemblea degli studenti in Sapienza, suggerivano un epilogo piuttosto deludente:

Anche la lettura degli artcoli non era molto confortante: accanto ad indicazioni condivisibili (ma comprensibili solo per chi conosca bene il sistema accademico) come “abolizione del 3+2 e dei crediti formativi” o “finanziamenti diretti ai gruppi di ricerca” comparivano richieste piu’ stravaganti come -appunto- “cinema e autobus gratis” o “stop al numero chiuso”.
Di fronte a questo risultato aveva buon gioco il Ministro Gelmini che, a Montecatini, si ergeva a paladina della meritocrazia (!) arrivando perfino a dichiarare: “siamo un governo di sinistra” .

Se si leggono i documenti prodotti, le cose hanno un aspetto un po’ diverso: sembra proprio che i giornali abbiano scelto di dare risalto agli aspetti piu’ folcloristici. Leggi il seguito di questo post »