Pizza Connection

Uno dei cavalli di battaglia dei think tank che sostengono il DDL Gelmini  (e i tagli di Tremonti) e’ rappresentato dai non brillanti piazzamenti dei nostri atenei nelle classifiche internazionali piu’ autorevoli, come la classifica della Jiao Tong University, quella stilata da Times Higher Education (THE), ect.

Tralasciamo la questione -importante!- di quale sia il significato di queste classifiche (ci limitiamo a segnalare questo approfondimento); ritorniamo invece su un’anomalia che avevamo gia’ osservato in un post del 2008: i piu’ accesi fustigatori dei modesti piazzamenti ottenuti dalle universita’ italiane sono Professori (economisti, in genere) che insegnano in alcuni atenei privati (LUISS, Bocconi,…). Tuttavia se cercate questi atenei in quelle stesse classifiche usate per supportare provvedimenti che mirano a ridimensionare il sistema dell’universita’ pubblica avrete una sorpresa: questi atenei privati ottengono giudizi piuttosto mediocri (quando non sono addirittura assenti).

Francesco Sylos Labini ha recentemente analizzato questo fenomeno sul suo blog, prendendo come esempio il caso della LUISS. L’analisi della pronta replica della LUISS e’ estremamente istruttiva.

La lettera dell’Ufficio Stampa si apre rivendicando l’autonomia della LUISS rispetto a Confindustria; dopo questo preambolo, va veloce al punto spinoso dei modesti piazzamenti nelle classifiche internazionali. Quali sono, in sintesi, gli argomenti? Uno: la LUISS non compare nella classifica THE perche’ non ha aderito (non le piacciono i criteri utilizzati). Due: si citano altre tre classifiche (tutte rigorosamente made in Italy) da cui risulta che la LUISS otterrebbe eccellenti piazzamenti.

Peccato che, in questo caso, il metro di giudizio non sia piu’ quello (grossolano) della qualita’ complessiva dell’ateneo nel contesto internazionale (che dipende da criteri discutibili, ma uguali per tutti); infatti classifiche e criteri sono scelti ad hoc di volta in volta, secondo le convenienze. Per esempio, i piazzamenti eccellenti nella classifica CENSIS/Repubblica riguardano la sottocategoria “Universita’ non statali” e solo un paio di aree disciplinari. Nel caso dell’indagine del Sole 24 ore (!) i risultati eccellenti riguardano solo alcuni parametri, tra i quali spicca il rapporto 1/7 tra docenti e studenti. Dettaglio bizzarro: per gli atenei privati un basso rapporto docenti/studenti e’ indice di eccellenza, ma lo stesso rapporto e’ sintomo di sprechi scandalosi quando si parla di universita’ pubblica. Ma allora, a che gioco giochiamo?

Se ci pensate, e’ proprio strano: questi paladini dell’internazionalizzazione, che usano le classifiche internazionali come un randello per rottamare il sistema dell’universita’ pubblica, non accettano di essere valutati con lo stesso metro di giudizio, preferendo ripiegare su classifiche caserecce (magari stilate dagli amici degli amici, con criteri accuratamente scelti).

La pennellata conclusiva che aggiunge un tocco fantozziano a questo ritratto di un’Italia provinciale, arriva, appena un paio di giorni dopo, da una notizia apparentemente scorrelata: Emma Marcegaglia, con un inedito atto d’imperio, convoca il comitato esecutivo della LUISS a viale dell’Astronomia, nella sede di Confindustria.
Lunga vita alla Libera Università Internazionale degli Studi Sociali!

Una risposta a Pizza Connection

  1. Anvur Cronaca scrive:

    Arriveremo anche sul nostro blog alla questione delle classifiche, per ora abbiamo proposto qualche riflessione sulla valutazione e il finanziamento della ricerca nel mondo

    http://cronaca.anvur.it/2010/11/come-ti-vedo-e-rivedo-la-ricerca.html

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: